“A Conti Fatti”

“ANNI SPRECATI
ma qualcuno si è mai chiesto
come sta il mio cervello?
ANNI BRUCIATI
mai nessuno si è mai chiesto
come sta il mio cervello?

Ora che è tempo di appendere le armi
più nessuna guerra
nessuno potrà più farmi del male
non venitemi a cercare,
ora che ho tutto il tempo
che voglio per pregare
Ombre si formano nella mia testa
e ti appartengono
VUOI GIOCARE CON ME?

un paio di candele rosse
porto sempre con me,
fiamme perse nella mia mente, sinuose
VUOI GIOCARE CON ME?

ANNI SPRECATI
ma qualcuno si è mai chiesto
come sta il mio cervello?
ANNI BRUCIATI
mai nessuno si è mai chiesto
come sta il mio cervello?

Il sudore mi avvolge
gli occhi mi bruciano
nessun eccesso mi avrà mai
in ogni mio sbaglio, rischio di perdermi
ma in ogni cosa c’è una parte di me

ANNI SPRECATI
ma qualcuno si è mai chiesto
come sta il mio cervello?

DI QUELLO CHE PENSO ORA
VOGLIO POTER
CAMBIARE IDEA DOMANI

DI QUELLO CHE MI SERVE ORA
VOGLIO POTERNE
FARE A MENO DOMANI

Non saprò mai cosa ci sarà
alla fine del viaggio
ma sento che valga la pena
morire per scoprirlo
teniamo gli occhi aperti
e tratteniamo il respiro
a breve sei sull’altro lato

IL VIAGGIO E’ BREVE
E VA GODUTO

IL VIAGGIO E’ BREVE
E VA GODUTO”

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...