Resoconto del METALITALIA.COM Festival: gli IN.SI.DIA live dopo quasi 20 anni

Eccomi qui, di ritorno dal Trezzo sull’Adda.

Ebbene, Il “viaggetto Roma-Trezzo” è valso assolutamente la pena, dato che il METALITALIA.COM Festival si è rivelato un gran bell’evento:

Sono arrivato in tempo  per ascoltare parte dell’esibizione dei Desaster (in gamba!), oltre ai Master (ottimi), gli Impaled Nazarene (a mio parere noiosetti… ma non fustigatemi per questo, si tratta di semplici gusti personali!) e gli At The Gates (bravissimi, nonostante l’assenza di un membro della band!)

Ma parliamo ora del motivo per il quale mi sono fatto oltre 500 chilometri: gli IN.SI.DIA.

In perfetto orario, i nostri si sono presentati sul palco con la scaletta che ci saremmo aspettati (la stessa del secret show del 3 Aprile):

  • Nulla Cambia
  • Parla Parla
  • Sì…Realtà
  • Grido
  • Terzo Millennio
  • Fuggire
  • Il Tempo
  • Qual è La Differenza
  • Sulla Mia Strada
  • Oltre Quel Muro
  • Tutti Pazzi

Per una mera questione di errati settaggi da parte del sonico (che poi per fortuna è riuscito a raddrizzare parzialmente la nave, pur non riuscendo comunque a trovare un “suono perfetto”), l’inizio con “Nulla Cambia” è stato poco fortunato. Prescindendo da questioni che non riguardano la band,  nelle undici canzoni suonate ho visto riversata una grandissima grinta, e poco importa se alcuni passaggi dimostravano ancora un briciolo di “ruggine”, accumulata in anni di inattività. La potenza è la stessa di venti anni fa: Alberto Gaspari e Manuel Merigo “menano come ragazzini”, mentre il “nuovo acquisto” Alessandro Venzi si dimostra un’aggiunta di assoluto valore. Il grande Fabio Lorini poi meriterebbe una statua, dato che oltre al basso si cimenta ora anche nel cantato: impresa certamente non facile e che nasconde possibili insidie (perdonatemi il gioco di parole!) e difficoltà, ma portata avanti con convinzione ed entusiasmo dal nostro bassista preferito. La bontà della dizione di Fabio rende ottimamente comprensibili gli ancora attualissimi testi,  e l’intera band sembra superare l’emozione, canzone dopo canzone: personalmente ho trovato spettacolari “Terzo Millennio” e “Il Tempo”, ma tutto il concerto è stato un “amarcord” emozionante.

Questi IN.SI.DIA hanno tutt’ora energia da vendere, e più suoneranno insieme, più diventeranno “mostruosi”. La gente li ricorda e li adora, ne canta le canzoni a squarciagola e poga quasi fuori controllo: reazioni di totale apprezzamento da parte del pubblico. Le ruggini del passato sono destinate a sparire, e adesso un nuovo album è ciò che tutti i fan attendono speranzosi (oltre a tanti altri live, si intende!).

Forza, ragazzi! Fateci questo regalo!

Scritto da Paolo “Outlander999” Minisini.

NOTE:

Il mio tentativo di documentare il concerto è stato un’avventura, andata solo parzialmente a buon fine. La mia fida videocamera Sanyo CA8, dopo anni di perfetta funzionalità, ha deciso proprio in questa occasione di iniziare a dare problemi: metà delle mie registrazioni è andata perduta -vorrei avere sotto mano una katana, per poter eseguire un perfetto harakiri…

Le canzoni da me registrate a dovere (che arrivano -e si fermano- alla canzone Terzo Millennio compresa) verranno pubblicate nei prossimi giorni su questo fansite e sulla omonima pagina Youtube. Se avete effettuato registrazioni delle canzoni mancanti, vi prego di segnalarmele. Grazie!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...